Regolamenti - Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica (ASSIMSS) - Italian Association for Systems Medicine & Healthcare

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolamenti

CHI SIAMO
REGOLAMENTO ELETTORALE ASSIMSS

1. Elezioni Nazionali e rinnovo della quota associativa
1.1 Le Elezioni Nazionali vengono indette nell’ambito di un’Assemblea Generale appositamente
convocata. In tale sede vengono presentati i candidati alla carica di membro del Consiglio Direttivo
e alla carica di Presidente, è nominata la Commissione Elettorale. Nella stessa sede il Consiglio
Direttivo in carica rammenta ai Associati partecipanti i tempi e le modalità di svolgimento delle
elezioni già resi noti tramite avviso inviato a tutti i Associati almeno 15 giorni prima della data
dell’Assemblea e/o tramite l’organo di informazione dell’Associazione.
1.2 Per partecipare alle Elezioni Nazionali i Associati devono essere in regola con i versamenti
delle quote associative, compresa quella dell’anno in corso.
Nel caso di contestazione circa il diritto di intervento di un Associato, questo è tenuto a provare
con apposita ricevuta il regolare versamento di tutte le quote associative.
I Associati possono provvedere al rinnovo della quota associativa anche alla data dell’Assemblea
Generale.
La quietanza relativa a tali quote verrà emessa dall’Associazione al momento del ricevimento.

2. Commissione Elettorale per le Elezioni Nazionali nominata dall’Assemblea
2.1 La Commissione Elettorale nominata dall’Assemblea Generale è composta da almeno tre
Associati Ordinari che eleggono nel loro seno il Presidente del seggio.

3. Elezione del Presidente
3.1 Il candidato a Presidente deve essere in possesso dei seguenti requisiti:
- essere Associato ASSIMSS
- avere ricoperto incarichi elettivi ASSIMSS o incarichi associativi
3.2 Ciascun Associato in possesso dei requisiti previsti al punto 3.1 del presente articolo deve
presentare la propria candidatura a Presidente direttamente al Presidente in carica fino a 48
ore prima della data fissata per le elezioni.
3.3 All’atto della presentazione della domanda i candidati devono presentare al Presidente
sinteticamente il proprio programma, unitamente ad un breve curriculum vitae che il Presidente
girerà ai componenti del Consiglio Direttivo. Nel caso in cui le candidature siano superiori a tre, il
Consiglio Direttivo, riunito d’ufficio nelle 48 ore prima delle votazioni, mediante votazione palese
anche con nuove tecnologie telematiche o social network privati, provvede a selezionarne tre con
le modalità che seguono. Ciascun componente del Consiglio Nazionale con diritto di voto è
chiamato ad esprimere massimo due preferenze. I primi tre nominativi che ricevono più voti da
parte del Consiglio Direttivo vanno a costituire una terna all’interno della quale l’Assemblea
Elettorale sceglierà il Presidente. Gli eventuali ex-equo vengono sottoposti ad un’ulteriore
votazione di ballottaggio da parte del Consiglio Direttivo. In tal caso la votazione avverrà con una
sola preferenza. I candidati che non sono rientrati nella terna selezionata dal Consiglio Direttivo
possono candidarsi alle Elezioni di rinnovo del Consiglio Direttivo per la posizione di componenti
del Consiglio Direttivo.
3.4 Il Presidente viene eletto dall’Assemblea convocata in sede Elettorale per le Elezioni del
Consiglio Direttivo Nazionale, secondo quanto previsto dall’art. 7 dello Statuto.
Ogni Associato può esprimere un solo voto, palese.
I candidati selezionati dal Consiglio Direttivo per la carica di Presidente in occasione delle Elezioni
Nazionali concorrono solo per la posizione di Presidente. I due candidati o il candidato che non
verrà eletto/i NON concorre/concorrono per altre posizioni di componenti del Consiglio Direttivo.
Il candidato che ottiene più voti alle Elezioni Nazionali tra quelli candidati alla posizione di
Presidente entra nel Consiglio Direttivo come Presidente.

4. Elezione diretta del Presidente
4.1 In caso di dimissioni o prolungata assenza per più di 6 mesi dal consiglio direttivo, il Presidente
verrà eletto direttamente dall’Assemblea Elettorale come previsto dall’art. 9 dello Statuto. In tal
caso le candidature verranno presentate al presidente dell’Assemblea Elettorale che, verificato il
possesso dei requisiti di cui al punto 3.1 del presente Regolamento, le ammette alla votazione. Il
candidato che ottiene più voti alle Elezioni Nazionali tra quelli candidati alla posizione di Presidente
entra nel Consiglio Direttivo come Presidente.

5. Elezione del Consiglio Direttivo, dei Vice Presidenti e del Tesoriere
5.1 Ogni Associato in regola con le quote associative, se dovute, è elettore ed è candidabile. Sono
eleggibili per il Consiglio Direttivo i Associati in possesso dei requisiti di cui all’art.8 dello Statuto.
5.2 Gli Associati che intendano candidarsi per il Consiglio Direttivo e per le cariche di Vice-
Presidente e di Tesoriere sono invitati a presentare al Presidente richiesta scritta corredata da
sintetico curriculum vitae. Il Consiglio Direttivo redigerà la lista dei candidati. Rimane fermo il
diritto di ciascun Associato di presentare la propria candidatura durante l’Assemblea
Generale. La lista dei candidati sarà presentata all’Assemblea che precede le elezioni ed alla
Commissione Elettorale.
6. Rappresentanza
6.1 Ogni Associato può esercitare in sede elettorale il proprio voto mediante delega scritta ad altro
Associato, su delega, riportante i dati del delegante (nome, cognome, data di nascita) e il
nominativo del delegato, può essere redatta su carta intestata oppure su foglio bianco, con
fotocopia ben leggibile di documento d’identità del delegante datata e sottoscritta in originale. In
tutti i casi è necessario che il Associato delegante apponga la propria firma autografa, in originale.
Non saranno ritenute valide altre forme di delega.
6.2 La documentazione di cui sopra deve essere conservata assieme a tutto il materiale elettorale
dalla Segreteria dell’Associazione per un periodo non inferiore ai sei mesi successivi alla data delle
elezioni.
6.3 La rappresentanza deve essere conferita per singole sedute elettorali. Ogni Associato può
rappresentare con delega non più di due Associati.

7. Commissione elettorale
7.1 La Commissione Elettorale presiede e sovrintende al regolare svolgimento delle operazioni di
voto, controlla la regolarità dell’elettore e delle deleghe in suo possesso ed espleta le operazioni di
conteggio dei voti, stilando la graduatoria dei candidati.
7.2 Di tutte le operazioni di voto, comprese le eventuali contestazioni, deve essere redatto verbale
sottoscritto da tutti i componenti la Commissione Elettorale.

8. Operazioni di voto e di scrutinio
8.1 Un delegato nominato dal consiglio direttivo cura la preparazione del materiale elettorale
consegnandolo alla Commissione Elettorale. Il delegato, può essere di supporto nell’espletamento
delle operazioni di voto per l’identificazione univoca degli aventi diritto al voto ma non nelle
operazioni di scrutinio.
Le operazioni di voto avvengono dopo verifica dell’identità dell’elettore (mediante esibizione del
documento di identità) e del suo diritto di voto.
In caso di delega, la Commissione Elettorale verifica il diritto di voto e l’identità del Associato
delegato, il diritto di voto del Associato delegante e la regolarità della delega, così come previsto
dagli artt. 1 e 6 del presente Regolamento.
8.2 Il voto avviene per alzata di mano. Il Presidente della Commissione elettorale annuncia
pubblicamente per quale/i posto/i in consiglio o carica/cariche associative si stia votando e
annuncia i candidati a tale/i posto/i. Successivamente dichiara aperta e chiusa la votazione, per
ogni candidato singolarmente, verificando il numero massimo totale di voti incluse le deleghe. I
commissari elettorali procedono al conteggio dei voti e assegnano le preferenze. Il Presidente
annota su apposita scheda il numero di voti per ogni candidato.
8.3 Al termine delle operazioni di voto la Commissione Elettorale procede a stilare la graduatoria
finale dei candidati indicando il Presidente e la graduatoria degli eletti curando che sia soddisfatta
la rappresentatività prevista nei precedenti articoli del presente Regolamento Elettorale e nello
Statuto.
8.4 Del verbale di tutte le operazioni di voto e di scrutinio, sottoscritto da tutti i membri della
Commissione Elettorale, viene data lettura pubblica a cura del Presidente della Commissione
Elettorale. Il Presidente della Commissione Elettorale provvede alla immediata consegna di tale
verbale al Presidente dell’Associazione per l’acquisizione agli atti.

9. Invalidità ed impugnazione delle operazioni
9.1 Le operazioni effettuate non in conformità con il presente Regolamento possono essere
impugnate dagli Associati, purché il loro dissenso sia stato verbalizzato dalla Commissione
Elettorale ricorrendo al Collegio dei Probiviri, se nominato, o in subordine al Consiglio Direttivo con
le modalità previste dallo Statuto vigente. Il ricorso scritto dovrà pervenire entro 15 giorni dalla data
delle operazioni di voto.


Approvato all’unanimità nel consiglio direttivo del 15/1/2017.
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu